... Non Solo Cromopuntura

venerdì 19 luglio 2019

COME AIUTARE CHI LASCIA IL CORPO

“Affrontiamo anche noi questo argomento, poiché è sempre un tema estremamente delicato e sentito da voi. Appena cessa l’attività del corpo fisico, la parte sottile ad esso connessa inizia a sfilarsi, come un guanto dalla mano. Ne mantiene pertanto la forma, inizialmente è ancora identificata con essa. Può non comprendere dove si trovi, cosa le sia accaduto, poiché le percezioni sono ancora estremamente simili a quelle che ha registrato durante l’incarnazione. Questa è una fase delicata, nella quale, se potete, mandate Luce e preghiere. Spiegate che si trova fuori dal corpo, non cercate di trattenerlo, ma anzi aiutatelo ad accettare il cambiamento avvenuto.


Chiedete alle sue Guide di andargli incontro e parlando con il vostro caro, con la sua struttura energetica, fategli presente che vi sono le creature di Luce attorno a lui, pronte a portarlo fuori da quella zona di mezzo nella quale si trova. Dire questo, permette a chi ha lasciato il corpo di ‘guardare’, e di vedere queste creature, agevolando l’incontro. Una volta che le Guide o i cari, andati a riscontrarlo, sono visti, possono condurlo nella Luce.

Vi può sembrare semplice, ma le cose sono semplici. È la vostra abitudine a seguire i percorsi della mente a renderle complicate.
E rammentate che chi si ama è connesso da cordoni luminosi, che non vengono meno al cambiamento di piani che lasciare la materia comporta”.
*Dai Maestri*

Eseguo sessioni per aiutare chi lascia il corpo nella zona di trapasso
e sperimentare la morte come un'opportunita' di crescita e di illuminazione, chi fosse interessato mi contatti via email   ernestivo@gmail.com

IvanoV Antar Raja

sabato 29 giugno 2019

Neuromatrix Pro

Neuromatrix Pro è un sistema di meditazioni online basato sui ritmi circadiani. Il suo obiettivo è lo sviluppo e il perfezionamento della coscienza, nonché il miglioramento della salute fisica.

I ritmi circadiani (dal latino “circa diem”- “Intorno al giorno”) sono delle oscillazioni cicliche dell’intensità dei processi biologici sincronizzati con il ciclo naturale del giorno e della notte. I ritmi circadiani, pur essendo collegati a fattori esterni, hanno un’origine endogena e rappresentato l’orologio biologico dell’organismo.

Sono estremamente importanti per la salute umana, perché nel nostro corpo si svolgono ogni istante tantissimi processi biologici, molti dei quali funzionano meglio quando interagiscono con altri processi. L’ordine e l’interazione tra questi processi dipendono dai ritmi circadiani.

Anche i ritmi del cervello cono strettamente collegati all’attività dell’organismo, e sono anch’essi determinati dai ritmi circadiani. Così, nelle ore notturne dominano i ritmi Delta, dopo il risveglio o prima di dormire si rafforzano i ritmi Theta, mentre nelle ore centrali della giornata dominano i Beta. Questo però, avviene solo idealmente. Una persona che vive nelle megalopoli moderne ed è sottoposta agli stress, subisce degli sbalzi dei ritmi circadiani. Questo causa l’insonnia, la sbadataggine, la nervosità, l’irritazione, la perdita della produttività, e tanti altri disturbi psicosomatici.

Neuromatrix Pro contiene tutte le edizioni precedenti di Neuromatrix e utilizza i ritmi circadiani per l’accordatura e la perfezione della coscienza, per il miglioramento della salute e per la sintonizzazione dei processi collegati ai cicli vitali umani.

Neuromatrix Pro non solo ingloba tutte le meditazioni di Neuromatrix e Neuromatrix 2.0, ma anche porta avanti i loro obiettivi. Non solo “accorda” i ritmi circadiani, ma risana e armonizza tutto l’organismo. A differenza delle precedenti edizioni di Neuromatrix, la sintonizzazione avviene simultaneamente, e non più in base alla successione dei ritmi, iniziando dai più alti e andando verso quelli più bassi. Il senso del programma è rimasto inalterato, cambia l’approccio, ed ora è basato sui ritmi circadiani. Potete leggere di più sugli obiettivi del programma Neuromatrix cliccando questo link: https://it.advanced-mind-institute.org/store/abbonamento/nuromatrix-v2/

Chi ha lavorato con il programma Neuromatrix, può confermare che non era facile stabilire le ore ottimali per ascoltare le matrici. Anche avendo le istruzioni, non è facile decidere da soli quando meditare e quale meditazione potrà essere maggiormente utile in una certa ora. Come combinare i programmi che contengono i ritmi diversi? Quale deve essere l’intervallo tra i programmi? Le istruzioni per le versioni precedenti erano uguali per tutti gli ascoltatori, ma che fare se avete più di 60 anni, o, al contrario, ne avete soli 20?

Neuromatrix Pro è chiamato a risolvere questi problemi. Queste sono le sue differenze dalle versioni precedenti:
Sarà l’algoritmo di Neuromatrix Pro a determinare le ore ottimali per l’ascolto delle meditazioni, e lo farà in base ai ritmi circadiani. Non dovrete più riflettere su quale programma scegliere per meditare; lo farà il sistema, e ciò dipenderà dall’ora. Per esempio, al mattino il sistema vi offrirà una meditazione beta che vi ricarica, predisponendovi ad una giornata di lavoro, produttiva e soddisfacente. Di giorno l’algoritmo sceglierà un ritmo Alfa leggero che vi aiuterà a rilassarsi e a riposare (anche durante l’intervallo di lavoro). Di sera potrete entrare in un piacevole stato Theta, mentre nelle ore prossime al riposo notturno ascolterete un ritmo Delta che farà il vostro sonno più forte.
L’algoritmo di Neuromatrix Pro ricorderà le ore in cui avrete meditato, il tipo di meditazione, e stabilirà tra quanto tempo potrete accedere alla prossima meditazione. L’intervallo ottimale potrà durare da 2 a 8 ore. Così non dovrete più pensare alle ore ottimali per la prossima meditazione; si eviterà anche il pericolo di sovrastimolazione: il sistema non permetterà degli ascolti troppo frequenti. La durata dell’intervallo dipenderà dalla vostra età: gli intervalli saranno più brevi per i giovani e più lunghi per le persone più mature.
Neuromatrix Pro tiene conto non solo dell’età dell’ascoltatore ma anche del suo sesso. I programmi per le donne saranno leggermente diversi da quelli per gli uomini. I programmi di base avranno molte caratteristiche in comune, ma per le persone over 50 saranno rafforzate le frequenze che sostengono la variabilità del ritmo cardiaco, l’intervallo tra le meditazioni sarà maggiore e saranno aggiunti dei programmi ottimali per le persone più avanti con l’età. Per questo motivo è molto importante che indichiate nel questionario la vostra età reale, da questo dipenderà l’efficacia del programma.
Neuromatrix Pro non è solo adattogeno, possiede anche il meccanismo di feed back. Due volte alla settimana vi sarà chiesto di valutare il vostro stato, proponendovi tre varianti della risposta: “Migliorato” – “Senza cambiamenti” – “Peggiorato”. In base alle vostre risposte il sistema sceglierà per voi altri programmi, cambierà le ore di ascolto di alcuni ritmi e controllerà l’efficacia dei cambiamenti avvenuti. Per questo motivo è molto importante rispondere con la massima obiettività alle domande che vi porrà il sistema. Occorre tenere conto che il peggioramento dello stato nelle prime settimane di ascolti è un fenomeno alquanto frequente. Il sistema ne terrà conto e il cambio del grafico e del ritmo degli ascolti sarà effettuato soltanto in caso delle lamentele persistenti. Ciò è fatto per dare ai programmi la possibilità di accordare il vostro organismo.- Ci rendiamo conto del fatto che non sempre una persona è in grado di valutare oggettivamente il proprio stato, per questo motivo l’algoritmo include una nota di scetticismo: dovrete rispondere alle domande più di una volta prima che il grafico delle meditaarà modificato.
Neuromatrix Pro include le tracce di Neuromatrix precedenti, ma anche più di 20 programmi nuovi. Ogni mese sarà fatto un upgrade dei programmi e saranno aggiunte le nuove meditazioni.
Fanno parte di Neuromatrix Pro i ritmi Epsilon, Beta, ma anche il Ritmo Sensomotorio, mentre nelle versioni precedenti questi ritmi o erano assenti oppure non erano rappresentati a dovere.
Diverse volte alla settimana (dipenderà dal vostro sesso e dall’età) Neuromatrix Pro vi offrirà una stimolante meditazione gamma, e 1-2 volte alla settimana, di sera, ascolterete le tracce contenenti i ritmi Epsilon. Inoltre, a Neuromatrix Pro è stato aggiunto il Ritmo Senso motorio. Se lo riterrà necessario, l’algoritmo potrà includere nel vostro playlist qualsiasi precedente programma dell’Istituto. Ciò avverrà automaticamente, senza la partecipazione di un operatore.
Novità. Uno dei problemi di Neuromatrix - Neuromatrix 2.0 era l’assuefazione alla stimolazione neuroacustica. Neuromatrix Pro offre invece un continuo upgrade dei programmi: ogni mese saranno aggiunte nuove meditazioni. Neuromatrix Pro crescerà e si evolverà insieme a voi. Si perfezionerà anche l’algoritmo stesso, perché si abituerà a voi, e imparerà a tenere conto delle vostre caratteristiche individuali.
Un volta alla settimana dovrete fare un intervallo. In questo giorno i programmi meditativi non saranno disponibili. Potrete scegliere questo giorno voi, a vostro piacimento. Una volta scelto il giorno dell’intervallo, non lo potrete cambiare! Questo serve per evitare i conflitti con il grafico degli ascolti elaborato dal sistema.
Neuromatrix Pro tiene conto del vostro individuale grafico del sonno e della veglia. Compilando il questionario indicate le ore quando andate a dormire e le ore quando vi svegliate. Questo ci aiuterà a scegliere i programmi in base al vostro ritmo individuale.
Come adoperare Neuromatrix Pro

Neuromatrix Pro è accessibile soltanto online, per usufruirne occorre connettersi a internet.

Compilate il questionario indicando il nome, il vostro sesso e l’età. La vostra età deve essere vera, perché da questo dipenderà l’efficacia del programma. Non abbiate i timori: i vostri dati saranno elaborati dal sistema e non dal nostro operatore. Indicate il fuso orario, anche questo è molto importante per il funzionamento del programma. Se cambiate il fuso orario (per esempio, andando in vacanza all’estero), non dimenticate di modificarlo nel questionario. Se non trovare la vostra città nella lista, vi basterà scegliere il vostro continente e poi qualsiasi altra città che abbia il vostro stesso fuso orario.

Indicate l’ora quando andate a dormire e l’ora del risveglio. Non è obbligatorio indicare l’ora esatta, alcuni minuti o un’ora-due in più o in meno non incidono sul risultato. L’importante è indicare l’ora abituale in cui andate a dormire, anche se doveste cambiare leggermente le abitudini nei giorni festivi.

Scegliete il giorno di riposo settimanale. In questo giorno non potrete ascoltare i programmi. Non dimenticate che dopo non potrete cambiare questo giorno, perciò riflettete bene e indicate il giorno in cui vi è comodo fare l’intervallo.

Nei primi 14 giorni potrete usufruire della versione gratuita (demo) del programma. Durante il periodo di prova potrete ascoltare 6 programmi; l’algoritmo della scelta individuale dei programmi non sarà ancora attivato. La versione demo serve per la prima conoscenza del programma Neuromatrix Pro e non contiene tutte le funzioni descritte. L’accesso completo al programma sarà attivato dopo il pagamento. Potrete scegliete il grafico di pagamento mensile o annuale. La modalità di pagamento annuale prevede uno sconto, è conveniente. Visto che Neuromatrix Pro esiste soltanto nella versione online, abbiamo potuto abbassare notevolmente il prezzo del programma (più di due volte, rispetto a Neuromatrix 2.0).

Cliccate la pagina di Neuromatrix Pro sul sito. Mettetevi le cuffie. Il programma partirà automaticamente dopo che la traccia sarà caricata (il tasto rosso sarà sostituito dal testo verde). Schiacciate questo tasto. Regolate il volume, che deve essere confortevole per le orecchie. Dopo l’ascolto il programma vi comunicherà tra quanto tempo potrete ascoltare il prossimo programma. Non è una condizione obbligatoria, perché potrete ascoltarlo all’ora per voi comoda. Ma attenzione, il sistema vi indicherà la durata minima dell’intervallo tra le meditazioni, e voi potrete aumentarlo a vostro piacimento.

Ogni tre giorni il programma vi chiederà le notizie sul vostro stato di salute. Per favore, cercate di essere molto obiettivi. Il sistema raccoglierà i dati sul vostro stato e, se sarà necessario, modificherà sia il grafico delle meditazioni sia il contenuto dei programmi. Questo algoritmo non scatterà automaticamente, le modifiche del ritmo degli ascolti e dei programmi avverranno soltanto dopo che saranno raccolti molti dati, di solito nel corso di una settimana. Dopo che il grafico sarà cambiato, il sistema stabilirà la durata del nuovo grafico, e dopo potrebbe modificare ancora sia il grafico sia i programmi. L’algoritmo delle modifiche dei programmi e del grafico delle meditazioni si perfezionerà in base ai dati ricevuti: più meditate più sarà preciso.
La scelta manuale dei programmi

Avete la possibilità di scegliere un programma in modalità manuale. Questa modalità può servirvi quando avete bisogno di rilassarvi, di caricarvi di energia o di addormentarvi indipendentemente dal grafico delle meditazioni. I programmi di Neuromatrix Pro sono basati sui ritmi circadiani, perciò noi consigliamo di scegliere la modalità manuale soltanto in caso di necessità. In tutte le altre occasioni, per favore, usate la modalità automatica. Potete servirvi della modalità manuale una volta ogni 12 ore, avendo la possibilità di scegliere tra i programmi per la concentrazione, il rilassamento e il sonno. L’algoritmo del sistema potrebbe escludere la possibilità di scelta dei programmi per dormire, in base alle risposte alla domanda sul vostro stato (il sistema le fa due volte alla settimana).
La scelta della modalità manuale ha senso soltanto quando questa è veramente necessaria.
Per esempio, non avrebbe senso scegliere di sera un programma per dormire, perché il sistema sa che è sera e sceglierà da solo il programma che serve.
Allo stesso modo, non sarebbe necessario scegliere di mattina un programma per la concentrazione o di giorno un programma per rilassarsi, perché tutto ciò fa già parte dell’algoritmo del programma Neuromatrx Pro.
Potreste, per esempio, scegliere di giorno un programma di concentrazione se avete bisogno di una carica di energia, oppure scegliere nelle ore di mattina un programma di rilassamento e meditazione se avete bisogno di riposare di più. In questo caso al posto del programma pianificato ascolterete la meditazione che corrisponderà alle vostre necessità.
Vi consigliamo di adoperare la scelta manuale soltanto in caso di necessità, senza abusarne.
Come meditare?

Assumete una posizione comoda, chiudete gli occhi, fermate il dialogo interiore e già dopo alcuni minuti potrete entrare in un piacevole stato di rilassamento. Una persona media impiega circa 8 minuti. Prima di meditare bevete un bicchiere d’acqua. Potrete leggere qui sulla tecnica della meditazione neuroacustica: come meditare in maniera corretta/
Il costo del programma

Potete pagare mensilmente oppure farlo una volta all’anno. Attualmente il programma costa 9.75 USD al mese, oppure 95.00 USD all’anno. Non si tratta di un abbonamento, il programma si acquista di mese in mese.

L’ascolto insieme ad altri programmi dell’Istituto

Potete combinare l’ascolto di Neuromatrix Pro con qualsiasi altro programma, basta osservare l’intervallo che determinerà il sistema. In questo caso invece di ascoltare Neuromatrix meditate con il programma che vi serve, osservando le istruzioni.

sabato 15 giugno 2019

Videocorso Auricoloterapia



E' con enorme piacere che vi presento il mio video corso di auricolo terapia; sarà disponibile tra due settimane. Per le modalità di pagamento ed altre informazioni scrivimi in privato ........... PS: la qualità del video originale è nettamente migliore. Ti spedisco a casa una chiavetta.. Oppure chiamami: 3398679025

Felipe

mercoledì 5 giugno 2019

La risonanza dei chakra

Il programma «La risonanza dei chakra»; è stato scritto per la sintonizzazione e la correzione del sistema energetico umano, e agisce su:

— connessioni tra i chakra e i corpi sottili;
— meridiani;
— chakra complementari;
— connessioni tra i chakra e gli organi;
— connessioni tra i chakra;
— aree della craniopuntura;
— canali informazionali;
— meridiani muscolo-tendinei;
— connessioni tra i meridiani.

Il programma entra in risonanza con quei chakra o parti del corpo energetico che sono sbilanciati e sentono la mancanza o l’eccedenza dell’energia, normalizzando lo stato delle strutture energetiche sottili. Grazie a questa risonanza si aprono delle possibilità di correggere positivamente prima il corpo sottile e, dopo, anche il corpo fisico. Lavorando con il programma sentirete le vostre aree problematiche; le frequenze usate nel programma sono state scelte di modo tale da poter entrare in risonanza con esse, nutrirle e bilanciarle.

Il programma include 4 parti, ogni parte possiede 7 segmenti. Ciascun segmento contiene un certo numero di frequenze che caratterizzano una determinata parte del corpo energetico. Ogni parte possiede una propria raccolta dei ritmi, e così, si crea un modello vibrazionale complessivo capace di agire su tutte le strutture sottili nessuna esclusa.

Prima di iniziare a lavorare, per favore, leggete attentamente la parte “Le particolarità del programma”. Fate molta attenzione: il programma va ascoltato obbligatoriamente con gli occhi chiusi. Dopo aver terminato l’ascolto rimanete per circa un minuto sulla poltrona, perché alcune persone potrebbero provare le vertigini (che passeranno entro un minuto dopo la fine della meditazione). Per favore, attenetevi a queste raccomandazioni.

https://it.advanced-mind-institute.org/store/emozioni-e-motivazione/la-risonanza-dei-chakra/?affiliate=TRKCASWQK8H

lunedì 3 giugno 2019

La tua voce per allontanare il dolore

Secondo gli studi di Campbell è stato dimostrato che determinati suoni, così come ritmi e suoni particolari , possono rimuovere blocchi, paure , timidezze e talvolta avere persino un effetto curativo.

Guardando tra le più recenti ricerche , ma anche ricorrendo alle antiche conoscenze orientali, Campbell spiega come suoni e vibrazioni, percepiti dal feto durante la vita intrauterina, avranno un effetto sulla salute del futuro bambino, sulll’apprendimento e sul comportamento.

Veniamo così a sapere che gli studenti capaci di suonare e cantare, hanno in genere voti scolastici più alti della media, o che al momento del parto la musica puo’ ridurre l’ansia della futura madre, aiutando il rilascio di endorfine, sostanze naturali che attenuano il dolore , o ancora secondo un direttore di unita coronarica, trenta minuti di musica classica , producono gli stessi effetti di dieci milligrammi di Valium.

Ora mi chiederete : cosa c’entra tutto questo con la nostra voce?

Campbell : “ Le vostre orecchie , la vostra voce e il vostro repertorio musicale sono il più potente strumento di cura a vostra disposizione “

E sentite cosa dice Clarissa Pinkola l’autrice di “Donne che corrono con il Lupi “

Ascoltare buona Musica , può rafforzare le difese del corpo , curare la mente e ristabilire l’armonia dell’anima “

La nostra stessa voce può essere usata per allontanare un forte dolore. La voce veniva usata come balsamo lenitivo del dolore anche dagli antichi ESSENI ( comunità vissuta ai tempi di Gesù ) e la chiamavano “voce lattea”;inoltre sono note diverse popolazioni che usano la voce e il Suono per guarire delle fratture o per portare a guarigione delle ferite .

Ora in questa sede non parlo di guarigione ma della possibilità di allontanare il dolore con il suono della nostra voce.

Non è necessario sapere cantare, tutte le forme di uso della voce sono utili, il canto, lo humming , la recitazione e il semplice atto di parlare.



Alcuni anni fa , mentre andava al lavoro, Betty Brenneman, abile violinista e insegnante in scuole speciali a Racine , nel Wisconsin , scivolo suo ghiaccio e si ruppe la caviglia destra . Era in mezzo al parco e sapeva che potevano facilmente trascorrere dieci e quindici minuti prima che qualcuno la soccorresse. Erano sei mesi che praticava la vocalizzazione , sviluppando la consapevolezza dei diversi punti in cui i suoni risuonavano in lei . Mentre un dolore strano esplodeva nel suo corpo, Betty facendo scivolare su e giù la voce , cerco di trovare il Suono che avrebbe alleviato il dolore . Quando sentì una reazione alla caviglia , provo’ vari suoni vocalici e scopri che la “o “ lunga era quella che funzionava meglio .

“Nel giro di venti minuti non sentivo più dolore” ricorda. “ Osservavi la bellezza del parco . Mi chiedevo se il dolore sarebbe tornato se avessi smesso: smisi e ritornò come per vendicarsi! Ripresi immediatamente a vocalizzare e in quindici venti secondi il dolore cessò. Durante la guarigione cantai spesso alla mia caviglia e ciò mi aiuto’ moltissimo

Da Don Campbell “l’ Effetto Mozart” .




Che la musica influenzi l'umore è cosa nota. Meno risaputo è che la musica possa agire direttamente sull'organismo modificando il nostro stato emotivo, fisico e mentale.

Questo fenomeno - chiamato effetto Mozart - non si verifica solo ascoltando le sinfonie del grande Amadeus, ma anche i canti gregoriani, un certo tipo di jazz e di pop, i ritmi sudamericani, le armonie new age e persino un po' di sano e robusto rock'n'roll.

Don Campbell ha raccolto in questo saggio le esperienze di medici e sciamani, musicisti e ricercatori, per mostrare come la musica possa influenzare l'ansia, la pressione alta, il dolore, la dislessia e alcune malattie mentali: è stato infatti dimostrato che determinati suoni, così come ritmi e toni particolari, possono rimuovere blocchi, paure, timidezze e, talvolta, avere persino un effetto curativo.

Guardando fra le più recenti ricerche, ma anche ricorrendo alle antiche conoscenze orientali, l'autore spiega come suoni e vibrazioni, percepiti dal feto durante la vita intrauterina, avranno un effetto sulla salute del futuro bambino, sull'apprendimento e sul comportamento.

Veniamo così a sapere che gli studenti capaci di suonare o cantare hanno in genere voti scolastici più alti della media; o che, al momento del parto, la musica può ridurre l'ansia della futura madre aiutando il rilascio di endorfine, sostanze naturali che attenuano il dolore e consentono in molti casi di evitare il ricorso all'anestesia; o ancora che, secondo un direttore di unità coronarica, trenta minuti di musica classica producono gli stessi effetti di dieci milligrammi di Valium.

Ma l'effetto Mozart non è solo una curiosità scientifica. Attraverso una trentina di esercizi, semplici e diretti, Campbell spiega come toccare con mano, anzi con orecchio, gli effetti benefici della musica, insegnandoci a riconoscere i suoni giusti da quelli sbagliati, le note buone da quelle cattive.


L'Effetto Mozart
Curarsi con la musica
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

mercoledì 29 maggio 2019

L’agopuntura neuroacustica

La colonna sonora di questo programma include le frequenze dei principali centri energetici e dei meridiani umani. Tali frequenze aiutano a distribuire e a normalizzare i flussi energetici dell’organismo, ma anche a stimolare determinati centri energetici del corpo. Le frequenze sono nascoste dentro il rumore dell’acqua e non si percepiscono direttamente dall’ascoltatore.

Il programma “L’agopuntura neuroacustica” serve per risanare l’organismo, per regolare i flussi energetici che circolano nel corpo, per meditare. Include 7 parti, della durata di 4 minuti ciascuna, che agiscono sui chakra e sui meridiani collegati a tutti i principali chakra.

L’agopuntura (dal lat. “acus” e “punctura”) è una branca della tradizionale medicina cinese che include l’azione, tramite gli speciali aghi, sui particolari punti del corpo. Le prime menzioni dell’agopuntura risalgono all’anno 100 a.C. Secondo la tradizionale medicina cinese, le malattie sono causate dallo squilibrio della circolazione del Chi, e quindi, agendo su determinati punti, noi possiamo normalizzare i flussi energetici ed eliminare le cause del disturbo. L’energia, tolto il blocco, tornerà a circolare lungo i meridiani, e di conseguenza, migliorerà anche lo stato di salute del malato.

Il programma “L’agopuntura neuroacustica” apre un nuovo capitolo nella tradizionale agopuntura, perché i centri energetici sono stimolati non con gli aghi, bensì con le particolari frequenze. Il programma agisce anche sulla rete dei piccoli meridiani, stimola e migliora gli scambi energetico-informazionali in tutto l’organismo.
Come effettuare una seduta dell’agopuntura neuroacustica?

Potete farlo da soli, nelle ore per voi comode. E’ necessario avere un letto o un divano. Sdraiatevi sulla schiena e chiudete gli occhi. Gli occhi devono essere chiusi durante tutta la seduta, è una condizione obbligatoria. Calmatevi e rilassatevi, mettetevi le cuffie. Durante l’ascolto non muovetevi e non cambiate la posizione del corpo. Immaginate tutto il corpo coperto di aghi, per questo motivo non potreste muovervi. Dalla vostra immobilità dipende l’effettiva efficacia del programma.

Nel corso della seduta potreste avvertire un calore o una pulsazione in diversi punti del corpo; non preoccupatevi, significa solo che il programma ha iniziato ad agire. Continuate a stare immobili, non dovete nemmeno visualizzare alcun movimento! Tutta la vostra attenzione deve essere concentrata sul centro del petto e sulla respirazione. Tutta l’attenzione sulla respirazione e solo sulla respirazione! Meno penserete al programma e più questo sarà efficace. Dopo aver finito, continuate a stare sdraiati ancora per 2 o 3 minuti, dopo aprite gli occhi e alzatevi.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...